Case astrologiche

case astrologiche Le case astrologiche, rappresentano il percorso del sole e dei pianeti nell'arco di una giornata, dall'alba di un giorno all'alba successiva.

Questo perché la rotazione della terra su se stessa causa la rotazione apparente del cielo, e quindi anche dei settori zodiacali.

Circa ogni 2 ore un nuovo settore zodiacale sorge ad Est e il settore opposto tramonta ad Ovest, possiamo immaginare questa rotazione come quella di un disco orario.

La posizione occupata dai pianeti nelle case è detta domificazione, quindi essi si troveranno in una particolare posizione rispetto alla linea dell'orizzonte delimitata dall'asse Ascendente - Discendente o alla linea Zenith - Nadir identificata con l'asse verticale Medium Coeli - Imum Coeli.

Case astrologiche e metodi di calcolo

Il calcolo delle case, o domificazione, si fa secondo diversi criteri matematici utilizzando appositi calendari compilati; tra i tanti metodi utilizzati sono diffusi quello di Placidus, di Koch, di Regiomontano, Bachmann o il sistema delle case uguali di Huber, secondo cui si calcola la posizione dell'Ascendente e tutte le altre case si troveranno allo stesso grado nei segni successivi.

Il calcolo del tema natale di casa di cartomanti si basa sulla domificazione di Placido.

Esempio, se l'ascendente è a 12º del Toro, la 2ª casa sarà a 12º dei Gemelli e cosi via, ma il passaggio da una casa all'altra non è schematico e regolare come per i segni che hanno tutti ampiezza pari a 30º, per cui è preferibile usare un metodo diverso da quello di Huber, solitamente quello di Placidus è il più diffuso, ma all'equatore, dove la durata del giorno e della notte è sempre la stessa, le case hanno tutte la stessa estensione.

Suddivisione del grafico zodiacale nelle case astrologiche

casa astrologicaLa prima basilare divisione dell'intero cerchio zodiacale si forma attraverso due linee: una orizzontale e l'altra verticale che unite tra loro formano una croce chiamata: “croce cardinale”.

Da queste linee si creano quattro case d'importanza primaria dette case cardinali.

Il loro nome deriva dal fatto che si riferiscono ai quattro punti cardinali infatti, come ogni mappa che si rispetti, quella astrale, per dare un'immagine precisa della posizione degli astri, traccia la posizione dei 4 punti cardinali sui quali poggiano le case di loro pertinenza.

Però tale posizione è invertita rispetto quella ufficiale, perché riproduce su carta la visione umana del cielo che in una trasformazione ottica appare in modo speculare.

All'interno di un oroscopo spiccano due grandi suddivisioni che dividono in quattro quadranti il grafico: l'orizzonte, visibile orizzontalmente e che delinea l'asse ascendente-discendente e il meridiano, visibile verticalmente, che delinea il medio cielo o Medium Coeli (MC) e il Fondo Cielo o Imum Coeli (IC). La parte sopra l'orizzonte è la parte superiore e diurna, a cui corrisponde la parte sinistra del corpo, quella sotto l'orizzonte è la parte inferiore e notturna a cui corrisponde la parte destra del corpo.

A seconda della collocazione dei pianeti sotto o sopra l'orizzonte, gli astrologi effettuano le loro interpretazioni della personalità. I quattro quadranti sono a loro volta suddivisi in tre settori per un totale di dodici case come i segni zodiacali.

Le case si contano però in senso antiorario, la prima casa inizia con l'Ascendente, in ordine segue la quarta casa o Imum Coeli, poi si passa attraverso il Discendente, si tocca il Medium Coeli, consignificante della decima casa e si conclude con il ritorno all'Ascendente.

Mentre la quarta casa è identificabile con il nadir, ossia il punto opposto al luogo di osservazione, la decima casa corrisponde allo zenit. Troviamo dunque a sud, ma in alto, il medium coeli, a nord, in basso, l'imum coeli, ad est (sinistra) l'ascendente e a ovest (destra) il discendente. Le due linee dividono inoltre lo spazio, chiamato cielo, in 4 settori altrettanto importanti nell'analisi astrologica: l'alto e il basso (giorno e notte), sinistra e destra (alba e tramonto).

Le case generalmente si possono estendere sia su un solo segno zodiacale, su due (in maggioranza), su 3 (in misura minore) o più, mano a mano che si avvicina a circoli polari.

Da questa prima divisione si creano altre otto case astrologiche di altrettanta rilevanza, che unendosi alle quattro già citate formeranno l'intero ventaglio delle dodici case zodiacali.

Interpretazione delle case astrologiche

La prima casa inizia dall'Ascendente. Sorge a est del cerchio zodiacale ma dal lato sinistro come spiegato, ed è quella che vede l'alba del nostro ingresso alla vita.

Può descrivere il momento della nascita e rappresenta il modo di presentarsi agli altri, la prima impressione che diamo di noi stessi, il nostro biglietto da visita.

È la nostra personalità immediata, la nostra indole, il nostro istinto e fornisce anche informazioni sul nostro aspetto fisico.

Spesso si riesce ad indovinare più facilmente l'ascendente di una persona piuttosto che il suo segno solare.

La seconda casa è la casa dei valori concreti che abbiamo intorno a noi e su cui possiamo contare, un tempo identificabili con la terra, oggi con il denaro, i beni materiali e le necessità primarie come il cibo, la gelosia come possessività della persona amata, l'immediato futuro e la necessità di sopravvivenza e di sostentamento, quindi la seconda casa ha come sua pertinenza tutto ciò che riteniamo nostro.

E' chiamata “casa dell'avere” e rappresenta quello che di concreto e solido ci appartiene.

La terza casa è l'ambiente circostante immediatamente vicino a noi e come lo viviamo, è la casa dei fratelli, dei cugini, degli zii, degli amici più cari e dei colleghi di lavoro, della socievolezza e della curiosità verso quanto ci circonda, delle pubbliche relazioni, del nostro modo di esprimerci e di parlare.

È anche la casa dei piccoli viaggi, degli studi adolescenziali, per questo motivo ci parla del nostro modo di rapportarci con gli altri ed essere socievoli.

La quarta casa o Imum Coeli (IC) la quarta casa è il secondo vertice della croce cardinale.

E' situata nel punto più basso della mappa oroscopica, ma il suo punto cardinale è il Nord. Conformemente alla sua posizione, essa rappresenta la base della nostra esistenza, è il terreno dal quale nasciamo e ci sviluppiamo per arrivare, poi, alla realizzazione sociale rappresentata dalla decima casa, sua opposta.

Essa rappresenta la famiglia, l'ambiente di origine in cui siamo cresciuti, il focolare domestico, i genitori, la nostra infanzia e il modo in cui tutto questo ha condizionato il nostro essere, è la casa delle tradizioni e dei legami ancestrali, della memoria e del nostro modo di fermare il tempo, ad esempio collezionando qualcosa. Può esser interpretata come percezione soggettiva, mentre altre teorie sostengono che illustri la situazione oggettiva. Di fatto l'una condiziona l'altra.

La quinta casa rappresenta i figli, l'amore l'innamoramento.

Riguarda la creatività e quell'impulso psicologico che ci spinge a utilizzare i nostri talenti guidati dall'autostima e dall'assertività.

È anche la spinta narcisistica che porta l'io in primo piano. Include, nei suoi significati, gli hobby, il divertimento e tutto ciò che ci fa sentire appagati, compreso il lusso.

È quella della voglia di vivere e divertirsi, del potenziale creativo e della capacità di lasciare un segno, un'opera letteraria o un'opera d'arte, ma anche senso creativo inteso come carica erotica e sessuale, procreazione, e per esteso educazione dei propri figli.

È anche la casa degli eccessi e dell'atteggiamento nei confronti dei rischi, come può essere il gioco d'azzardo.

La sesta casa riguarda la salute e il lavoro, è il dovere, le regole da rispettare, la routine quotidiana e il modo di affrontarla, il lavoro di tutti i giorni, l'adattamento verso il quotidiano e le sue regole, la disciplina e il rispetto degli altri ma anche di noi stessi.

Quindi è anche la cura che abbiamo del nostro corpo e la nostra salute, come curiamo i nostri malanni e il nostro aspetto, per esteso il nostro modo di abbigliarci.

La settima casa o Discendente è la terza casa cardinale, In essa troviamo il discendente: il punto opposto all'ascendente. Nella mappa oroscopica sorge a ovest (a destra) dove il sole tramonta. Governa il matrimonio e ogni altro tipo di relazione o associazione.

Mentre la prima casa, che le è avversa, rappresenta l'io e la personalità, la settima casa astrologica si riferisce alle persone che abbiamo accanto o che scegliamo come collaboratori o partner in amore. inizia la sequenza delle case al di sopra dell'orizzonte e i significati si contrappongono alle precedenti.

La settima, opposta all'Io-ascendente è la casa degli Altri, del nostro modo di legarci a loro, ad es. con una società per affari, è la casa della convivenza, delle scelte di responsabilità, dei contratti, incluso il matrimonio, è la collettività e il modo in cui viviamo le reazioni con il prossimo.

L'ottava casa opposta alla seconda-denaro e avere, rappresenta il denaro che avremo, magari in eredità, come sapremo gestire la nostra situazione economica futura, quindi rappresenta anche il denaro nel senso di "dare": debiti, rate, mutui.

Ha varie sfumature e non sempre è facile decifrarla. Riguarda i distacchi, le perdite e la nostra capacità di rigenerazione.

Ha a che fare con il denaro: quello ricevuto in modi diversi dalle prestazioni di lavoro.

Si riferisce quindi alle eredità, alla riscossione di somme dovute, ai guadagni del partner ed al mantenimento in caso di divorzio.

È una casa misteriosa, profonda, occulta, è il sacrificio, il significato che diamo alla morte, ma è anche potenziale creativo, fascino, magnetismo, l'inconscio e l'attrazione per l'occulto, la realizzazione spirituale. Può essere vita o morte, sacrificio o indulgenza.

Al negativo rappresenta la segretezza, gli amori nascosti, il mistero, la falsità.

La nona casa rappresenta l'ambiente lontano, i lunghi viaggi, l'estero e il modo di relazionarci con le persone straniere.

Si riferisce a tutto ciò che sta oltre il nostro sguardo, per questo motivo può dare informazioni riguardo l'ambizione di una persona, le sue aspirazioni, i suoi progetti più azzardati. Ha a che fare con la comunicazione e si occupa dell'editoria.

Il bisogno di andar lontano con la mente favorisce i viaggi o il soggiorno, per periodi più o meno lunghi, in paesi oltre confine. Nella nona casa troviamo l'apertura verso altre culture e la facilità nell'imparare lingue estere.

È anche la casa dei viaggi mentali e dell'evasione attraverso discipline filosofiche, dell'etica, degli studi superiori, del clero, degli ideali.

La decima casa inizia dal Medium Coeli quarta casa cardinale, ed è opposta alla quarta-origini.

E' quella che indica il sud nel quadro astrologico. Rappresenta la realizzazione professionale che avremo, la fuga dal nido di origine, il successo, l'indipendenza, i riconoscimenti che avremo o non avremo, l'ambizione e la decisione ad inseguire determinati obiettivi, la forza di abbattere gli ostacoli.

Nella vita di ciascuno la decima casa astrologica riguarda la capacità di emancipazione da un ambito familiare, per questo è chiamata “la casa dell'auto-realizzazione”. Simboleggia il top della nostra vita: il punto al quale aspirare per raggiungere una propria autonomia.

L'undicesima casa è la casa dell'equilibrio, della moderazione, del controllo, di come ci muoviamo nel contesto sociale e delle amicizie che impariamo a coltivare, la nostra moderazione, la capacità di individuare progetti e portarli a compimento ingegnandoci. riguarda le persone con le quali abbiamo un rapporto amichevole o di collaborazione.

Tramite essa scopriamo se sarà facile, per noi, trovare persone affini con le quali costruire un piacevole rapporto d'amicizia.

Possiamo capire come viviamo dentro di noi queste relazioni e cosa chiediamo agli altri. Scopriamo le nostre intenzioni riguardo l'inserimento in gruppi e associazioni perché l'undicesima è considerata la sede dell'associazionismo e di quelle attività che perseguono uno scopo o un ideale comune, include quindi anche la politica.

È associata anche alle nuove tecnologie e al modo in cui ci rapportiamo ad esse.

La dodicesima casa chiude il cerchio è opposta alla sesta-regole e concretezza e rappresenta noi di fronte al mondo e alle difficoltà della vita, è il modo in cui riusciamo a gestire la nostra interiorità, i nostri sogni, la meditazione, la sensibilità, l'emotività, la solitudine, il sublime, l'insofferenza verso la routine e la materialità a favore della spiritualità.

La dodicesima casa non ha una buona fama ed è indicata come la casa della spiritualità, della solitudine, delle prove, della malattia.

E' considerata una casa karmica per i problemi che può portare.

Comincia a risparmiare e rimani sempre aggiornato

Iscriviti alla Newsletter

Compila i campi sottostanti e ricevi settimanalmente aggiornamenti, offerte e sconti!