Consulti

Tarocchi amore

Tarocchi amore

Tarocchi Amore: la cartomanzia al servizio del cuore: scoprire l’amore vero attraverso un consulto con i tarocchi dell’amore e la conoscenza di tutte le mantiche umane. 

Ecco perché se siete arrivati su questa pagina cercando “Tarocchi amore“, probabilmente non state passando un buon periodo con il vostro partner o siete alla ricerca dell’amore eterno.

Avere un problema di coppia, essere insicuri del partner o pensare di essere traditi sono alcune delle più comuni problematiche che un cartomante si trova ad analizzare.

Oltre a ciò il cartomante, con i tarocchi amore, si trova a dover rispondere anche per: l’amore bugiardo, l’amore platonico, l’amore non corrisposto, amore e odio, l’amore impossibile, l’amore disperato, l’amore passionale, l’amore e sesso, l’amore malato, l’amore infinito, l’amore infedele.

Partiamo dall’inizio: Amore significato

Praticamente, per tutte le sfaccettature relazionali amorose che l’amore comporta. Ma tutto ciò porta ad un unico e solo risultato possibile: l’amore esiste.

Solo con l’amore e altri rimedi affettuosi si possono ascoltare queste parole: ”amore mio ti amo”.

L’amore è il sentimento che tiene viva una persona e che muove il mondo, senza farlo fermare mai. Senza l’amore una persona muore dentro, vivendo praticamente in un mondo sterile e non affettivo.

Con i tarocchi dell amore invece, abbiamo tanti riscontri che ognuno di noi si vive l’amore come riesce, con le proprie fragilità e incertezze.

E quindi ma cos’è l’amore ? dare una risposta è difficile, perché questo sentimento è ricco di tantissime sfumature e di concezioni.

In tanti anni di esperienza i tarocchi dell’amore sono riusciti a far comprendere che la complessa personalità di ogni individuo si intreccia con quella del partner.

Prima o poi ogni in ogni convivenza ci saranno problemi di coppia e si dovranno vivere momenti delicati che andranno affrontati, a seconda dei casi, con decisione o diplomazia, con comprensione e intelligenza e non ultima e meglio se per ultima, con la resa…

Con Tarocchi Amore si riesce ad inquadrare situazioni delicate ma anche a rassicurate un amore ossessivo.

Tal volta si manifesta come un desiderio assoluto di volere il bene, di ricercare assolutamente la compagnia dell’oggetto del desiderio.

In altri casi, l’amore viene definito come un sentimento che unisce due persone (indipendentemente dal sesso) e con fattori più o meno dominanti: l’amore, quindi, può assumere tante diverse sfaccettature e sfumature, può essere amore platonico oppure amore carnale, può essere amore morboso ed ossessivo oppure amore passionale.

La caratteristica comune a tutte le storie d’amore è la ricerca di un rapporto unico ed esclusivo ed è per questo che molti consultano i Tarocchi amore.

A volte capire che la rinuncia può essere la soluzione, è difficile, accompagnare un individuo in questo cammino con l’oracolo dell amore può dare un sostegno, ma sappiate che a questo mondo… nel vostro mondo, conta solo la vostra felicità.

I tarocchi dell’amore consigliano ma sta a voi……

Casa dei cartomanti non è qui per dirvi cosa fare o non fare, i tarocchi dell’amore consigliano, noi vi aiuteremo con l’interpretazione della vostra personalità e della lettura delle carte a prendere in considerazione le strade che la divinazione vi consiglierà.

I metodi di divinazione nell’ambito del settore della cartomanzia d’amore, sono la lettura delle Sibille, la lettura dei Tarocchi e la lettura delle carte napoletane, ma quella più indicata rimane sempre i Tarocchi Amore.

Noi comprendiamo il vostro disagio e siamo qui apposta per darvi un consiglio e un sostegno: essere felici in amore non è solo un diritto di tutti gli uomini ma un vostro dovere!

Impegnatevi affinché i vostri desideri si avverino!

Vai alla lettura dell’amore nella pagina dei Tarocchi online

Oltre i tarocchi: calcola anche l’affinità di coppia

Leggi i tuoi tarocchi dell’amore cliccando qui se visualizzi questo sito da mobile o cliccando su tarocchi gratis o cliccando su tarocchi online se hai uno schermo medio grande.

I tarocchi amore non sono l’unico strumento che ci permette di avere indicazioni sul futuro della nostra relazione: un altra freccia nel nostro arco è anche il calcolo dell’affinità di coppia e della sinastria.

Tutti i metodi per conoscere il futuro in amore: le Mantiche.

Si cerca sempre di immaginare come potrebbe essere un possibile futuro in Amore, e in certi  momenti si farebbe qualsiasi cose per venire a conoscenza, ecco come nasce il bisogno delle divinazioni e soprattutto dei Tarocchi dell’amore

Proprio per questo si contattano i cartomanti dell’amore che adoperano vari strumenti per offrire divinazioni più precise possibili.

Predire il futuro non è affatto semplice, ma predirlo in amore è veramente molto complicato, ma con i tarocchi amore futuro si ha un buon strumento divinatorio.

L’Amore è l’argomento che più ci sta a cuore, e non c’è frase più calzante e rappresentativa su ciò che può fare questo sentimento di quella che ha scelto Dante per chiudere la sua Divina Commedia “L’Amor che muove il sole e l’altre stelle”.

L’amore è un sentimento!

Ed è proprio così, l’amore è un sentimento che ci porta fino alle vette più alte aprendoci uno squarcio sulla bellezza della vita vista da lassù, così in alto quasi da sbirciare il paradiso, per poi trascinarci giù fino alle viscere della terra per bruciarci vivi tramite le gelosia il rimpianto e l’abbandono.

Non entrare in contatto con questa energia non è possibile, se non vivendo in superficie una vita fatta di automatismi, nascosti alla vista di questo sentimento, che permea tutte le cose ed entra dagli spiragli più inaspettati appena si abbassa la guardia e si fa capolino dalla propria comfort zone, poiché l’Amore è ovunque e ha varie forme e muta nel tempo, imbrigliarlo è da pazzi solo pensarlo.

Ma rinunciare all’amore è possibile?

D’altronde, rinunciare all’amore, ci vuole un gran coraggio: per non parlare di decidere di sottrarsene volontariamente, perché è una grande rinuncia, magari sopperita e giustificata da “falsi dei” come i soldi o il successo, ma non è una scelta libera, non può essere che condizionata dalla paura, poiché la paura di soffrire terrorizza, e nel tentativo di non farci far del male, ci proteggiamo non ci apriamo e ci raccontiamo una marea di false verità.

Una scelta quella di schermarsi non solo volta all’amore ma alla vita stessa, una vita in stand-by che a poco ci serve perché come ci ricorda Oscar Wilde: ”Chi non ha mai amato non ha mai vissuto”.

Tipologie diverse di amore e gli effetti dell’ amore

Tipologie diverse di amore e livelli diversi, amore mentale, amore viscerale, amore platonico, amore carnale, amore incondizionato, amore e psiche, amore a distanza, amore tossico molti ne hanno parlato e molti ne parleranno ancora tentando in qualche modo di mappare la sua essenza ma lui, l’Amore sfugge comunque a qualsiasi regola o categorizzazione.

L’Amore per sempre è qualcosa che ti rapisce per portarti dove non si sa, recandoti in mondi sconosciuti dove le regole terrestri non valgono più, non ti fa dormire ne mangiare, ti fa scoprire emozioni che non hai mai provato  in uno stato estasiatico che vorresti protrarre per l’eternità e davvero ti senti scintilla divina non solo a parole, ma in contatto con tutti i piani e tutti i sensi pure quelli che non si sapeva di possedere.

Gli effetti dell’amore a livello sottile, come se si fossero dischiuse determinate capacità di visione del terzo occhio si assisterebbe ad uno spettacolo scintillante di luce, poiché la vicinanza di due persone che si amano, sono due campi energetici che si uniscono per farne uno più potente in grado di produrre lui stesso energia.

Questo argomento ci preoccupa e ci preoccuperà sempre, ma ci tiene vivi, senza l’amore saremmo solo gusci vuoti che camminano nel mondo poiché tutti hanno il diritto ad amare ed essere amati e dato che è un’esperienza che ci spetta di fare, in quanto non ce ne sono altre parificabili, occuparcene è un nostro diritto con qualunque metodo di approccio.

Aiutarsi con la divinazione é possibile?

Aiutarsi con la divinazione si può e di conseguenza si cerca un aiuto concreto per aprire il cuore, anche che sia con la divinazione, dopotutto fin dai tempi antichi esistevano le figure degli indovini che indagavano l’invisibile per avere risposte e l’amore e passione a quei tempi c’erano già, ragion per cui i metodi e gli indovini sono ancora figure utili anche in Amore, anche se ahimè tenuti in meno considerazione dei tempi antichi.

Anticamente infatti, l’indovino appunto colui che praticava le arti divinatorie veniva chiamato Vate o Mantis ed era considerato quella persona in grado di accedere ad informazioni che sfuggivano ai cinque sensi ed essendo questo potere derivante  direttamente da Dio.

Cosa si intende per Mantica?

Conseguentemente la divinazione veniva considerata un vero e proprio rito magico-religioso che metteva in contatto gli uomini con gli dei, da ciò il termine Mantica che è sinonimo di divinazione ma che nello specifico però si riferisce alla pratica con la quale si divinizza, mentre il termine DIVINAZIONE ha una valenza più generale.

L’etimologia latina del termina Mantica indica propriamente “un atto, un’azione o un rito finalizzato ad interrogare una divinità od una entità spirituale per conoscere i segni del passato del presente e del futuro o anche per avere istruzioni sul comportamento da tenere in una determinata circostanza”.

Nel mondo greco le pratiche e le finalità della divinazione erano dette Mantiké  Téchne, tecniche mantiche per l’appunto.

Cosa sono Le arti mantiche?

Nei tempi antichi tutte le arti mantiche erano considerate scienze, ad oggi non è più così, il massimo che si è fatto è stato quello di innalzarne alcune al rango di pseudoscienze, ossia un processo che non è approcciabile tramite il metodo scientifico causale che attualmente è alla base della scienza moderna, ma segue altri criteri.

Sono pseudoscienze l’astrologia, la numerologia, la cartomanzia e la chiromanzia, tanto per citare quelle più conosciute, mentre altre ancora sono considerate addirittura credenze popolari, questo come ad affermare che le società antiche fossero composte da sciocchi perditempo e che culture dalle quali ancora traiamo insegnamenti erano basate su false credenze solo perché non dimostrabili ed alla nostra ridotta visione d’insieme non comprensibili.

Ma alla fine davanti ai grandi interrogativi della vita, prendiamone uno su tutti l’Amore, poco importa comprendere le leggi che sottendono ad un metodo piuttosto che ad un’altro, importante che il metodo, la mantica funzioni.

I tarocchi Amore aiutano tantissimo in tal senso.

Divinazione e arti Mantiche

Vediamo come la divinazione ci viene incontro per sciogliere i nostri dubbi sull’amore, mettendoci a disposizione un quantitativo enorme di arti mantiche tra le quali potremmo scegliere quella che più ci incuriosisce e l’indovino stesso anche secondo quale tecnica pratica, badando bene che come per l’antichità anche ora l’indovino vero, colui che ama e dedica i suoi studi a queste arti, sicuramente conoscerà e praticherà la maggior parte dei metodi mantici più conosciuti.

Poiché attualmente le arti mantiche documentate sono più di 50, ci occuperemo qui di fare una panoramica di quelle più largamente praticate così che il consultante ne avrà un quadro completo, ma prima facciamo un preambolo che abbia l’obiettivo di fare chiarezza tra le tipologie di divinazione.

Secondo una prima classificazione di stampo classica le arti divinatorie si dividerebbero in due macro-gruppi:

Divinazione intuitiva

Dove l’indovino è il fulcro centrale e non usa particolari strumenti ma opera tramite il potere della sua particolare predisposizione, il dono.

Le sue specifiche doti soprannaturali possono essere variegate, di tipo medianiche, di channeling, veggenza, chiarudienza, scrittura automatica o capacità premonitive di vario genere che lo connettono a specifiche Entità o Piani Superiori dai quali carpisce informazioni e risposte, questo avviene in linea di massima in uno stato alterato di coscienza come la trance, le danze rituali, i viaggi astrali indotti, meditazioni particolari o preghiere, come l’estasi o l’invasamento momentaneo di certi profeti.

Divinazione induttiva

Di decodifica dei segni e degli oggetti usati, quindi legata alla conoscenza di una tecnica di divinazione, dove i vari oggetti utilizzati faranno da ponte tra l’indovino e varie entità, a seconda della tecnica stessa che le richiama e trasmette indicazioni.

Oltre alla perfetta conoscenza della tecnica specifica alla scienza mantica utilizzata, l’indovino dovrà possedere alte capacità di connessione con queste determinate entità, nonché possedere una vibrazione tale che il messaggio sia comprensibile e non da meno saper riconoscere la differenza tra la propria fantasia e le indicazioni provenienti dall’alto.

In questa seconda branca ci sentiamo di far ricadere le sottocategorie indicate nella classificazione data dallo scrittore esoterista Giordano Berti alle arti divinatorie.

Divinazione artificiale

E’ basata su oggetti simbolici costruiti dal divinatore, tramite l’uso di simboli esoterici posti ad esempio su pietre o carta.

Divinazione Naturale

L’osservazione dai segni naturali ricercati dal divinatore stesso, per esempio il movimento degli astri (astrologia) o la morfologia del terreno (geomanzia).

Divinazione occasionale

Riguarda l’interpretazione di fatti occasionali o accidentali come gli incontri casuali o i sogni premonitori.

Mentre di tutt’altra natura, ma altrettanto valida, è la classificazione proposta dallo psicologo statunitense Julian Jaynes.

Presagi e loro scrittura

Registrazione di sequenze di eventi insoliti o importanti, quindi una semplice annotazione cronologica delle curiosità dalla quale poi con lo sguardo al passato si prevedeva il futuro, poiché tutto è ciclico e le ere si susseguono con frequenze già conosciute nei tempi antichi.

Sortilegio

Attinente a tutta la branca divinatoria che ha a che fare con l’estrarre a caso, appunto “a sorte”, che si tratti di pietre, rami, carte o qualsiasi altro oggetto. Branca attualmente denominata Cleromanzia.

Auguri

Divinazione che prende in considerazione una serie di possibilità date”, cita l’autore. Del resto gli auguri o auspici erano antichi sacerdoti Romani che praticavano l’arte di prevedere il futuro chiamata per l’appunto degli Auguri o Auspici tramite l’osservazione del volo degli uccelli.

Spontanea

Sotto questo punto ricadono tutte le arti mantiche senza l’uso di strumenti specifici, ma solo tramite intuizioni e premonizioni come espressione delle capacità extrasensoriali dell’indovino.

ASTRAGALOMANZIA

Quest’arte, ”astragalomanzia”, mantica molto antica che risalirebbe all’antico Egitto, si riferisce all’utilizzo degli astragali, ossia vertebre di animali come strumento divinatorio che poi vennero trasformati in cubi numerati, gli attuali dadi e quest’arte fu chiamata Cubomanzia.

Questa pratica fu molto usata perché andò di pari passo all’uso dei dadi come gioco d’azzardo. La pratica veniva svolta con tre dadi, dove ogni combinazione aveva un significato, il più funesto era chiamato “il colpo di Venere” e corrispondeva alla triade 666.

ASTROLOGIA

L’astrologia è la mantica più antica e la prima che si è occupata non solo del mondo fisico ma anche di quello interiore dell’essere umano.

L’ Astrologia studia il movimenti degli Astri del sistema solare e le diverse posizioni dei pianeti nel cerchio zodiacale, sulla base della credenza che questi movimenti influenzano gli eventi terrestri e la sfera umana interiore.

Il postulato a fondamento di questa scienza è che il moto di ogni pianeta quando ricade in un determinato settore del Zodiaco ne assimila la natura e nello stesso tempo lo influenza con la propria.

Questa scienza, spesso conosciuta solo per la sua funzione divinatoria, che è solo uno degli aspetti dell’Oroscopo, è ben più complessa e abbisogna di studi in ambiti diversi che vanno dalla mitologia, passando per la psicologia e la filosofia arrivando all’astronomia.

BIBLIOMANZIA

Combattuta aspramente dalla Chiesa perché largamente presente anche nel clero in epoca romana, la Bibliomanzia fa parte della Sticomanzia, che consiste nel porre una domanda e nell’aprire un libro a caso dal quale estrarre a sorte una frase indicando la pagina ad occhi chiusi.

Molti sono stati i libri prediletti sopratutto quelli omerici, grandi classici, ed i testi sacri, uno su tutti precisamente la Bibbia dà il nome a questa pratica, di non facile attuazione poiché la frase va interpretata e poi ricondotta alla domanda posta.

CAFFEOMANZIA

L’arte di leggere i fondi di caffè è un rituale molto antico. Si pratica con due modalità a seconda che si usi il caffè turco o quello greco entrambi miscele di caffè molto sottili che vengono bollite con l’acqua.

Il metodo più usato è indubbiamente quello del caffè turco, che va servito in una tazza di porcellana bianca con il piattino.

Dopo aver bevuto il caffè caldo rimarrà sempre un po di fondo (la parte solida) nella tazzina che andrà capovolta sul piattino, ponendo la mano sulla tazzina e girandola su se stessa dolcemente si porrà il quesito, quando la tazzina si sarà freddata si girerà e le prime immagini scorte saranno il responso al quesito posto.

Procedimento simile viene fatto anche per leggere i fondi di Tè.

CARTOMANZIA

Metodo di divinazione tramite l’utilizzo di un mazzo di carte.

Di mazzi da utilizzare ce ne sono moltissimi che possiamo dividere in due grandi categorie, Tarocchi e carte degli Oracoli, tra i primi i più conosciuti sono i Tarocchi di Marsiglia che contano 78 arcani, carte illustrate di cui 22 arcani maggiori e 56 arcani minori Nei mazzi degli Oracoli, anch’esse illustrate, possiamo contare un numero di carte che varia da 36 a 100 a seconda del mazzo,  i più popolari sono le Sibille.

La differenza più rilevante tra Tarocchi Amore ed Oracoli sta nella non divisione di quest’ultimi in maggiori e minori e quindi tutte le carte hanno lo stesso valore.

Quest’arte molto complessa abbisogna oltre che di una particolare sensibilità dell’indovino di conoscenze esoteriche vaste poiché è vasto il campo di azione sul quale può trovare applicazione.

CHIROMANZIA

Considerata una pseudoscienza si pone l’obiettivo di delineare i tratti della personalità e di prevedere il destino di un’individuo tramite la lettura della mano e delle sue linee che sono 7 principali.

Le mani da sempre hanno avuto un valore magico e sacro e l’origine di questa antica mantica va ricercata nelle discipline astrologiche indiane ed è a tutt’oggi molto utilizzata specialmente in concerto con altre discipline olistiche come la meta-medicina.

I CHING 

Il Libro dei Mutamenti è un fondamento della cultura cinese considerato da molti sacro e che fu studio dello stesso Jung quando pose le basi delle sua teoria della Sincronicità.

É considerato uno strumento infallibile, poiché i responsi non sono mai netti ma portano a meditare ed a trovare le risposte dentro di se.

La consultazione del libro è relativamente semplice rispetto agli artifici grafici che contiene chiamati esagrammi, costituiti da sei linee spezzate o continue e si pratica lanciando tre monete che indicheranno l’esagramma da leggere.

I’Ching si rifà a concetti di base di Natura, ciclicità e yin e yang.

RUNOMANZIA

Gli antichissimi segni delle Rune (alfabeto runico), risalgono al II secolo e sono propri dei popoli del nord Europa, ma le loro origini sono ancora incerte.

Sicuramente il loro linguaggio è criptico quanto ancestrale, basti pensare al fatto che le ritroviamo incise su costruzioni megalitiche altrettanto misteriose come i dolmen e i menhir.

Il potere ed il controllo di questo strumento è attribuito ad Odino, divinità considerata dai popoli nordici il principio dell’universo.

Le Rune sono 24 più una senza nome ed il loro uso veniva tramandato solo oralmente, come si suol dire “da bocca ad orecchio”, per cui la metodologia di utilizzo risulta variegata e in alcuni casi discordante.

CRISTALLOMANZIA

Questa mantica in realtà rientra nella categoria dello Scrying “scrutare”, tecnica che consiste nel fissare un punto su di una superficie riflettente ed attendere che appaiano delle immagini rimanendo concentrati sul quesito.

Nello Scrying gli strumenti prediletti oltre alle sfere di cristallo sono gli specchi (catoptromanzia) e  l’acqua (idromanzia).

Nella cristallomanzia le sfere oltre che di cristallo possono essere di berillo o anche solo di vetro. 

La difficoltà di queste tecniche consiste nell’accorgersi delle immagini relative alla predizione e quelle relative alla fantasia di chi le pratica, in linea di massima le immagini veritiere sono improvvise e scollegate tra loro.

NUMEROLOGIA o Aritmanzia

Dal nome greco composto da arithmòs (numero) e mantheia (divinità) è una pratica molto antica conosciuta già ai tempi di Pitagora considerato suo fondatore per l’omonimo teorema.

Questa pseudoscienza mette in relazione i numeri con tutto ciò che è esistente tramite una relazione mistico-esoterica fondata su due concetti di base, quello che ogni numero da 1 a 9 possiede uno specifico significato, e che le sequenze personali come la data di nascita ed il nome sono codici esoterici che possono dare indicazioni sulla persona.

Nella pratica sono molte  e differenti le modalità di applicazioni che vedono nell’uso dei numeri uno strumento divinatorio, come quello relativo all’Aritmomanzia che associa all’alfabeto latino i numeri.  

RADIOESTESIA

L’uso del pendolo nell’immaginario comune è indicativo della magia stessa e sembra facile da praticare poiché risponde con un sì o un no a seconda di come gira su se stesso, in realtà il protocollo è semplice ma abbisogna di anni di pratica perché il responso sia veritiero, in quanto l’operatore dovrà possedere il controllo energetico del proprio corpo e saper bloccare il flusso energetico nel braccio che tiene il pendolo come se fosse un’estensione inanimata, altrimenti il pendolo seguirà l’energia della persona stessa.

Questo strumento essendo sensibile ai campi magnetici va usato testando prima i luoghi in cui si pratica, essendo la radioestesia una disciplina che intende captare le energie vibrazionali attraverso strumenti come il pendolino o il biotensor.
La sua origine va ricercata nella rabdomanzia, la localizzazione di oggetti sotterranei come l’acqua tramite un bastone biforcuto.

Divinazioni che già facciamo, siamo tutti indovini e non lo sappiamo.

Volevamo regalarvi una curiosità, tra le tante tecniche mantiche la cui lista è abnorme a dir poco, ce ne sono alcune che fanno parte del nostro uso comune che facciamo involontariamente, ma che rientrano nelle arti divinatorie, magari non ne conosciamo l’uso da questo punto di vista, fatto stà che le pratichiamo.

Anagrammatomanzia

Vi è mai capitato di anagrammare il vostro nome o quello di qualcuno per vedere quale parola esce fuori? ebbene quello è un messaggio proprio di una specifica arte divinatoria, Anagrammatomanzia, un’arte mantica di stampo moderno.

Nefelimanzia

Oppure, tutti sdraiandosi in un prato e ponendo gli occhi al cielo hanno intravisto figure nelle nuvole, un gioco divertente che però ha le sue basi in un’arte ben precisa la Nefelimanzia, l’arte mantica appunto di divinizzare tramite le forme delle nuvole.

Piromanzia

Stessa cosa per il fuoco, quante volte da ragazzi in un falò su di una spiaggia prima e poi magari davanti al caminetto di casa abbiamo passato lunghi attimi ipnotizzati dal crepitio del fuoco e dalla danza sinuosa della fiamma che quasi quasi ci portava in altri mondi, quello stato è proprio della Piromanzia un tipo di divinazione tramite il fuoco.

Catoptromanzia

Ed ancora, vi è mai capitato di fissare lo specchio e vedervi i tratti cambiati, invecchiati o diversi? Di certo non avrete il potere di interrogare lo specchio come la Regina Grimilde in Biancaneve, ma sappiate che comunque ciò che fate rientra della Catoptromanzia, appunto l’arte mantica di ricercare risposte, con varie tecniche dagli specchi.

Oniromanzia

Per ultima, ma non certo per importanza l’Oniromanzia è da sempre consciamente o inconsciamente praticata da tutti. Anticamente i sacerdoti andavano a dormire nei templi per avere sogni premonitori, ma anche ad oggi molto in voga è largamente utilizzata, basti pensare alle tecniche per i viaggi astrali ed il sogno lucido.

E’ un’arte praticabile per avere indicazioni dal nostro Sè superiore basta saper riconoscere quali sogni sono degni di attenzione che possiamo chiamare premonitori e quali sono solo frutto della nostra mente ed anche se a naso li sappiamo distinguere, più difficile è carpirne il significato ed accettare cosa la nostra anima vuole dirci, d’altronde come canta Cenerentola di Walt Disney ” I sogni sono desideri chiusi in fondo al cuor…”